Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Righi a cui chiede notizie sull'uso dell'elleboro nel Veronese nei tempi antichi


Segnatura
Manoscritti Righi, 619/90.31

Istituto di conservazione
Biblioteca Civica di Verona

Luogo e data
Pavia, 1864

[dato attribuito]

Note alla datazione
La data č desunta da un'annotazione di Righi sul retro della lettera
Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Righi, Ettore Scipione (Avvocato e letterato veronese, confidente di Cesare Lombroso)

Citati
Pollini, Ciro (Naturalista e botanico veronese)
Righi, Augusto (Avvocato e politico veronese)
Righi, Italia (Figlia di Ettore e Bice Ruffoni)
Ruffoni, Beatrice detta Bice (Moglie di Ettore Scipione Righi)

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso scrive a Righi, domandandogli notizie a sostegno di una sua idea "un po' stramba ma appunto la stramberia c'entra per molto anche nell'argomento". Ricorda che i detti popolari veronesi accennano all'aria di Monte Baldo "come d'aria che porta pazzia - e quindi i Veronesi mezzo matti d'aria di M. Baldo ecc. ecc. La cosa č molto diffusa per non aver qualche fondamento"; prosegue osservando che "tante altre cittā hanno vicine dei grossi monti senza che siasi attribuito mai ad essi la causa di influenza sulla pazzia". Avanza l'ipotesi che la ragione sia da ricercarsi nella forte presenza di elleboro sul Monte Baldo. Per verificarla, chiede se vi siano detti popolari sull'elleboro di Monte Baldo, specie nei paesi alle sue pendici, o documentazione che attesti localmente la cura dei pazzi mediante l'elleboro. "E' una questione curiosa - e tu il risol[utore] ora che sei divenuto il 1. e solo Veronese d'Italia e del Veronese". Lo informa che la Biblioteca di Pavia conserva una copia dei suoi Canti popolari e invia saluti ai suoi familiari

Note
Per gentile concessione della Biblioteca Civica di Verona
Immagine 1 di 3   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine