Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Righi in cui lo informa sulla sua attività scientifica e lo invita a collaborare a «La Venezia»


Segnatura
Manoscritti Righi, 619/90.28

Istituto di conservazione
Biblioteca Civica di Verona

Luogo e data
Genova, 18/03/1862

Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Righi, Ettore Scipione (Avvocato e letterato veronese, confidente di Cesare Lombroso)

Citati
Alvisi, Giacomo Giuseppe (Medico, patriota e giornalista veneto)
Ciro
Massalongo, Abramo (Naturalista veronese)
Righi, Italia (Figlia di Ettore e Bice Ruffoni)
Ruffoni, Beatrice detta Bice (Moglie di Ettore Scipione Righi)
Scarenzio, Angelo (Medico e farmacologo pavese)
Tebaldi, Augusto (Psichiatra e accademico veronese)
Teza, Emilio (Letterato, storico e linguista veneziano)

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso ringrazia Righi della sua lettera, deplorando la propria condizione. Si dichiara "contento" del proprio grado, benché non commisurato ai suoi sforzi: "del resto studio poco – e quel poco a sprezzo e svogliato. Ora mi occupo delle ferite da palla - e di quell’eterno lavoro sulle Razze che vedrà la luce il dì del giudizio". Suggerisce a Righi di collaborare al mensile «La Venezia»: "potresti mandare un cenno sui Dialetti del Veronese. – Io publicherò alcuni cenni sul Massalongo ma mi manca un elenco delle sue opere – dillo ai suoi amici che lo facciano e lo mandino a Firenze presso il dr. Teza o il dr. Alvise". Comunica di avergli trovato nuove monete a Genova e gli trasmette notizie su alcuni amici comuni

Note
Per gentile concessione della Biblioteca Civica di Verona
Immagine 1 di 2   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine