Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Moleschott in cui, offrendogli gli auguri di capodanno, ironizza su di un'enciclica papale e anticipa i risultati del proprio studio antropologico sulla statura degli italiani


Segnatura
Fondo Moleschott, Corrispondenza ricevuta da Jacob Moleschott, busta 15, fasc. 37

Istituto di conservazione
Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio, Bologna

Luogo e data
Pavia, 31/12/1864

Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Moleschott, Jacob (Fisiologo olandese)

Citati
Ceccarel, Matteo (Medico trevigiano)
Jung, Sofia (Maestra di origine tedesca)
Moriggia, Aliprando (Istologo e accademico piemontese)
Sella, Quintino (Politico biellese, più volte ministro)
Strecker, Sophie (Moglie di Moleschott)
Tomati, Cristoforo (Medico e docente di Anatomia all'Università di Genova)
[Settel]

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso offre a Moleschott i propri auguri di capodanno. Esprime attesa per la pubblicazione della sua prolusione di "fisiologia e medicina", che spera "antidoto a quella specie di enciclica vitalistica" della "stramba prolusione del Tomati". Ironizza sull'enciclica "del nostro buon papa", che vuole entrambi "dannati, dannatissimi" per l'elaborazione, la stesura e la traduzione del Kreislauf des Lebens. Che "il Circolo" fosse ancora inedito non era perciò un male: "se i fulmini del Vaticano s'aggiungevano pure a quelli del Sella - c'era di restare non che arsiccio - incenerito del tutto". Informa di aver terminato alcuni studi, fra i quali quello "sulla statura degli Italiani". "Le misure dei diametri dei crani non m'hanno dato quei rapporti con la statura che m'aspettavo. Ho visto sì coincidere la doligocefalia colla statura bassa in Sicilia in Sardegna e sulle coste Napolitane - ma poi nelle province del Nord ad Aosta e Sondrio la doligocefalia non esiste più eppure la statura è bassissima. Per cui m'è riuscito chiarissimo che la forma del cranio sì ma non la statura dipendono dall'eredità". Invia saluti ai suoi familiari e ai conoscenti e amici comuni

Note
Per gentile concessione della Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio, Bologna. Il carteggio Lombroso-Moleschott è pubblicato in M.L. Patrizi, "Addizioni al «dopo Lombroso». Ancora sulla monogenesi psicologica del delitto", Roma-Milano-Napoli, Società editrice libraria 1930
Immagine 1 di 3   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine