Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Ferrari cui dà alcuni suggerimenti in merito alla pratica dell'omeopatia


Segnatura
Archivio Ferrari, b. 11, fasc. 17

Istituto di conservazione
A.S.P.I. - Archivio storico della psicologia italiana, Università di Milano Bicocca, Milano

Luogo e data
Torino, 28/03/1897

Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Ferrari, Giulio Cesare (Psichiatra e psicologo reggiano)

Citati
Hahnemann, Samuel (Medico tedesco, fondatore dell'omeopatia)

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso invita Ferrari a studiare teoricamente l'omeopatia prima di praticarla sperimentalmente. "L'omeopatia è come il socialismo. Non si può capirla all'ingrosso bisogna impossessarsene - per lo meno bisogna leggere l'organo di Hahneman [sic!] - se no il lavorarvi è impossibile". Lo avverte che, privo di conoscenza teorica, non sarebbe in grado di preparare soluzioni efficaci. Suggerisce quale base di un preparato il lacheris perché, agente sui centri motori, più adatto ai suoi scopi. Ironizza sulle critiche ricevute dalla  Donna delinquente per opera della stampa inglese

Note
Per gentile concessione dell'A.S.P.I. - Archivio storico della psicologia italiana (Università di Milano Bicocca). La lettera è pubblicata al seguente indirizzo web: http://www.aspi.unimib.it/collections/object/detail/4605/
Immagine 2 di 2   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine