Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Guglielmo Ferrero a Cesare Lombroso in cui gli comunica di stare per recarsi a Napoli e gli inoltra una lettera di [Obici] a cui ritiene si debba dare una risposta definitiva. Scrive inoltre di aver raccolto "pettegolezzi sulla corte", di aver incontrato Enrico Ferri e Leonida Bissolati e informa il professore che l'accoglienza al suo libro Ŕ stata buona e che Antonio De Viti De Marco ha dato un pranzo "convocando, per divertirsi, una compagnia di titolati forcaiolissimi in mezzo a cui stavamo come trinitÓ rivoluzionaria, io lui e Bissolati"


Segnatura
IT SMAUT Ferrero/CL. 103

Istituto di conservazione
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - UniversitÓ di Torino

Luogo e data
Roma, 09/05/1902

Mittenti
Ferrero, Guglielmo (Sociologo e storico, genero di Cesare Lombroso)

Destinatari
Lombroso, Cesare

Citati
Bissolati, Leonida
De Viti De Marco, Antonio
Ferri, Enrico (Giurista, sociologo e politico mantovano, allievo prediletto di Lombroso)
Lombroso, Gina (Figlia di Cesare Lombroso)
Margherita di Savoia (Regina d'Italia)
Obici, Giulio (Medico del manicomio di Ferrara)

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Note
Manca la parte finale della lettera con la firma del mittente
Immagine 1 di 3   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine