Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Raffaele Garofalo a Cesare Lombroso cui scrive che Giuseppe Tammeo potrebbe essere un buon collaboratore per la parte relativa alla statistica della rivista che aveva in animo di fondare. Quanto al fatto di dirigere la parte penale della rivista, acconsentirebbe solo se si trattasse di accettare o rifiutare i manoscritti proposti, non se dovesse presentare un suo articolo in ogni numero, perché non ha tempo. Aggiunge che per il primo numero della rivista, se non pubblicherà l'articolo che ha già pronto, preparerà una monografia "sulla pena dei delinquenti abituali ed incorreggibili ovvero intorno ad alcuni vizi della procedura"; riflette sul titolo da dare alla rivista e scrive che appena andrà a Napoli svolgerà la commissione relativa al prof. Antonio Raffaele. Lo informa di non aver mai ricevuto "Pensiero e meteore" che gradirebbe avere, lo ringrazia per averlo citato nel "Passannante" ed in un altro libro e si dice molto dispiaciuto di non poter andare a Roma per incontrarlo. Vorrebbe contattare Franz von Holtzendorff per avere una copia della propria bibliografia relativa a “L’uomo delinquente” che questi ha tradotto e conclude lamentando di non essere riuscito a decifrare quanto scrittogli da Lombroso in merito al prof. Del Monte


Segnatura
IT SMAUT Carrara/CL. - Garofalo, Raffaele_06

Istituto di conservazione
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino

Luogo e data
Cava dei Tirreni, 25/09/1879

Mittenti
Garofalo, Raffaele

Destinatari
Lombroso, Cesare

Citati
Del Monte, Michele (Oculista, modernizzatore dell'insegnamento e della pratica oftalmologica)
Holtzendorff, Franz von (Giurista e criminologo tedesco)
Raffaele, Antonio (Medico)

Consistenza
2 fogli

Lingua
Italiano

Note
Il secondo foglio presenta un margine strappato
Immagine 1 di 5   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine