Loading...


Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

Liszt, Franz (von)


Ente di conservazione Data Titolo
Biblioteca Comunale di Palermo 99999999 Cartolina postale di Lombroso a Colajanni in cui, viste delle bozze, ne critica le tesi sulla criminogenesi, ma manifesta attesa per la "Sociologia criminale" e gli suggerisce i nomi di alcuni referenti esteri
Biblioteca Comunale di Palermo 18801016 16/10/1880 Cartolina postale di Lombroso a Buccola in cui dichiara di accettare lo studio "Sulla sensibilità" sia pur integrato di alcune sperimentazioni e gli chiede notizie sull'avvocato Puglia
Fondazione Einaudi, Torino 18811020 20/10/1881 Cartolina postale di Lombroso a Liszt in cui promette di saldare le spese fotografiche e per il copista
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18811129 29/11/1881 Lettera di Franz von Liszt a Cesare Lombroso con richiesta di un articolo e riferimenti a Lacassagne
Biblioteca Comunale di Palermo 18860111 11/01/1886 Cartolina postale di Lombroso a Colajanni in cui, congratulandosi per il rinvenimento di un editore, ne critica alcuni appunti
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18890129 29/01/1889 Cartolina postale di Raffaele Garofalo a Cesare Lombroso cui invia il programma dell'associazione di Franz von Liszt che questi prega di pubblicare nell'«Archivio di psichiatria»; chiede poi l'invio del numero della «Revue d'Anthropologie» che contiene l'articolo di Gabriel Tarde sulla criminologia
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18991121 21/11/1899 Cartolina postale di Eugenio Florian a Cesare Lombroso a cui chiede che venga segnalata sull'«Archivio di psichiatria» la sua libera docenza in Diritto e Procedura penale. Offre inoltre la sua collaborazione per recensire ed occuparsi dello spoglio de «Herkunft und Entwicklung des Zweckgedankens» del Liszt, della «Revue pénitentiaire» e del «Bulletin de l'union internationale de droit pénal». Chiede infine che l'«Archivio di psichiatria» parli del suo lavoro sui vagabondi scritto con Cavaglieri