Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Lioy a cui comunica le proprie opinioni in merito allo spiritismo


Segnatura
Carte Lioy, b. 9, u.a. 273, n. 172

Istituto di conservazione
Biblioteca Civica Bertoliana, Vicenza

Luogo e data
Torino, 03/11/1890

Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Lioy, Paolo (Letterato, naturalista e politico vicentino)

Citati
Ottolenghi, Salvatore (Medico e criminologo piemontese, fondatore della Scuola di Polizia Scientifica di Roma)

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso replica a Lioy, dichiarando "veri" alcuni "fatti" dello spiritismo "come i movimenti di esseri vivi - le luci". Racconta di aver visto "delle impronte in gesso fra persone oneste ma fanatiche - ma non [averle] vedute mai far [lui]". Possiede "una raccolta di fotografie [ricevute] da Parigi, circa 60, - ma nessuna attendibile tutte fatturate e anche alcune ridicolmente". "Io credo che si tratti di azioni di moto del medium che Ŕ sempre nevrotico spesso epilettico pari a quelli che si hanno (e che io publicai (Nuovi studi sull'Ipnotismo di Lombroso e Ottolenghi - Studi sull'ipnotismo 3a ed.)) nei sensi in cui i centri sensori fanno da senso. Qui invece i centri fanno da motoreási sostituiscono ai muscoli e dato che la forza psichica ha un movimento nulla impedisce ch'essa si trasformi in movimento ed in luce - questa la trasformazione della forza". Conclude rivendicando la "proprietÓ di queste osservazioni". Nel poscritto, lo informa di non essere nÚ di poter diventare senatore

Note
Per gentile concessione della Biblioteca Civica Bertoliana, Vicenza
Immagine 1 di 2   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine