Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

< <

Lettera di Lombroso a Righi a cui descrive le piacevolezze della vita studentesca pavese, ventilandogli il prossimo avvicinamento


Segnatura
Manoscritti Righi, 619/90.8

Istituto di conservazione
Biblioteca Civica di Verona

Luogo e data
Pavia, 24/05/1854

[dato attribuito]

Note alla datazione
La data è desunta da un'annotazione di Righi
Mittenti
Lombroso, Cesare

Destinatari
Righi, Ettore Scipione (Avvocato e letterato veronese, confidente di Cesare Lombroso)

Citati
Dugnani

Consistenza
1 foglio

Lingua
Italiano

Contenuto
Lombroso ringrazia Righi della sua lettera, dichiarandogli di rivederlo in "ogni bravo, e allegro giovane" conosciuto a Pavia e di provare desiderio di averlo vicino nell'imbattersi talora nei suoi versi: "oh! divertiti, divertiti sì mio carissimo perché tu sai fare sgorgare dalla fonte dissolutrice del piacere dei vividi schizzi di luce, e felice me sepotessi contare molti Righi". Informa di non avere notizie su Dugnani, essendo stato poche ore a Milano. "La vita qui è bella, è allegra come al solito, abbiamo una fiera di cavalli, ma che lo fu pure di donne perché non una delle più modeste monache Pavesi e dei villaggi restò nella sua casupola, e così fu una bella ed ampia messe". Gli studenti erano spensierati, nonostante il decesso di due amici e il timore per la vita di un terzo: "ma d’altra parte vi sono dei grandi balsami, dei balsami che si hanno un po’ troppo preziosi nel Veneto, amicizie tenere, franche [...]; e le notti accanto al letto degli amici passano piacevoli. Chi sa non mi toccherà fare altrett[anto] a te – e tu con me"

Note
Per gentile concessione della Biblioteca Civica di Verona
Immagine 1 di 3   [vedi con zoom abilitato]  [gallery]
inizio            fine