Loading...


Epistolario  |  Indici  |  Cerca nell'epistolario    

Tarnowsky, Veniamin Michailovich


Ente di conservazione Data Titolo
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 99999999 Minuta di lettera con firma autografa di Cesare Lombroso a Pauline Tarnowsky con ringraziamenti per i dati inviatigli senza i quali non si sarebbe potuto pubblicare "La donna delinquente"; le scrive che lei è una delle rare eccezioni all'inferiorità della donna rispetto all'uomo e che in parte questa condizione è colpa dell'uomo anche se l'essere una persona di genio non dipende dall'educazione. Le scrive che non andrà al congresso di antropologia criminale di Bruxelles, in quanto i medici che si riuniranno sanno la metà di ciò che sa lei, spera che suo marito abbia ricevuto la normativa sulla prostituzione inviatagli dal Ministero dell'Interno, le fa i complimenti per l'eccellente italiano e la informa di aver inserito la sua firma ne "L'uomo di genio"
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18911119 19/11/1891 Lettera di Pauline Tarnowsky a Cesare Lombroso cui scrive che la collezione di fotografie e misure antropometriche di donne criminali usata per i propri studi è a disposizione del professore, ha solo bisogno di qualche giorno per riordinare i dati. Si dice inoltre molto lusingata e felice di essere annoverata tra i collaboratori dell'«Archivio di psichiatria»
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18950505 05/05/1895 Cartolina postale di Guglielmo Ferrero a Cesare Lombroso cui chiede l'indirizzo di Tarnowsky a Pietroburgo
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 18950517 17/05/1895 Cartolina postale di Guglielmo Ferrero a Cesare Lombroso cui chiede l'indirizzo di Tarnowsky a San Pietroburgo
Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso" - Università di Torino 19030210 10/02/1903 Lettera di Pauline Tarnowsky a Cesare Lombroso cui invia un testo del marito sull'inversione sessuale, edito in Russia nel 1884, per farne l'edizione italiana