Nella fucina del positivismo
Un progetto di ricerca che mette in relazione l'archivio del padre dell'antropologia criminale con gli archivi dei suoi interlocutori, molti dei quali protagonisti del dibattito scientifico, artistico e politico tra la seconda metà dell'Ottocento e i primi anni del Novecento. La raccolta sistematica delle carte e dei documenti ricevuti e prodotti da Cesare Lombroso nell'intero arco della sua attività offre uno sguardo inedito sulla cultura del Positivismo.
Vai al progetto»

L'EPISTOLARIO

EpistolarioL'epistolario è la ricostruzione virtuale dei carteggi professionali e amicali di Cesare Lombroso, realizzata attraverso la pubblicazione on line delle schedature e delle riproduzioni digitali della corrispondenza ricevuta dallo scienziato (custodita presso l'archivio del Museo Lombroso, ma non solo) e da questo inviata (per lo più conservata in enti esterni).

Consulta la banca dati»
GLI INEDITI

EpistolarioSi tratta di testi autografi di Lombroso, risalenti a un'epoca compresa fra la metà dell'Ottocento e il primo decennio del Novecento...

Leggi tutto»
LE "SCRITTURE NON COMUNI"

ManoscrittiNel corso dell'Ottocento psichiatri, psicologi, medici forensi dedicarono una crescente attenzione agli scritti di persone in stato di arresto, detenute in carcere, ricoverate in manicomio...

Leggi tutto»

Il progetto Lombroso continua

La documentazione conservata presso l'archivio del Museo Lombroso e gli enti individuati attraverso l'attività del Progetto Lombroso non esaurisce il complesso degli inediti lombrosiani giunti sino a noi. Pertanto, chiunque sia in possesso di manoscritti autografi di Lombroso o a lui indirizzati può segnalarli a: museo.lombroso(@)unito.it